Monumenti a Milano

Il Duomo di Milano

Il Duomo di Milano

Il Duomo di Milano, meglio conosciuto come il Duomo, è un’enorme cattedrale gotica che si trova nel cuore della città. È la visita turistica più importante di Milano.

Booking.com

Conoscete la Basilica della Natività della Beata Vergine Maria a Milano? Forse no, ma se la domanda fosse “conoscete il Duomo di Milano” tutti risponderete di sì. Il duomo è un simbolo unico e meraviglioso di una delle città più importanti e stupefacenti d’Italia.

Una metropoli dinamica, vivace, seria, votata quasi esclusivamente al denaro e al successo che però si affida – nell’immagine e nella vita di tutti i giorni – al simbolo per eccellenza della spiritualità religiosa. Entrare nel Duomo di Milano significa conoscere l’anima segreta della città, respirare la devozione nascosta del principale motore economico del nostro Paese. Un’esperienza assolutamente da fare.

Storia del Duomo di Milano

Prima del 1386 al posto del duomo esistevano ben due chiese: Santa Maria Maggiore e Santa Tecla. A causa di un crollo che danneggiò seriamente la prima, in quell’anno si decise di edificare un’unica grande chiesa invece di restaurare quella già esistente. Si iniziò quindi l’abbattimento progressivo dei due templi precedenti, risalenti al periodo paleocristiano – i lavori furono completati solo nel 1462 – e dopo una serie di tentativi falliti venne costruita l’attuale maestosa basilica.

terrazza duomo di milano
La terrazza del Duomo di Milano

Il progetto iniziale in mattoni venne abbandonato all’inizio del XV secolo per essere sostituito dall’idea di un monumento in marmo bianco e all’ambiziosa impresa lavorarono diversi architetti, non solo italiani: Simone d’Orsenigo, Jean Mignot, Jacques Coen, Henri de Gmund e ancora Giovannino de Grassi, Giovanne e Guinforte Solari tra i tanti.

Pur essendo stata consacrata al culto nel 1418, occorsero ancora molti anni per ultimare la costruzione con la parte esterna che a fine Settecento non era ancora terminata. Soltanto nel 1813 si poté dire concluso l’innalzamento della facciata, mentre la sua stessa decorazione ebbe fine nel 1892. La basilica è dedicata alla Natività della Beata Vergine Maria, e la statua della Madonna – la famosa Madunina – posta nel punto più alto ne è l’immagine simbolica più forte.

La facciata

duomo e piazza a milano
Piazza Duomo a Milano

Forse la parte più complessa della costruzione dell’intera chiesa, la facciata prese forma lentamente, praticamente nel corso di quasi quattro secoli! Un progetto iniziale neoclassico di Pellegrino Tibaldi venne soppiantato da quello del suo rivale Martino Bassi alcuni anni dopo, e quindi arricchito dalle idee di Luigi Vanvitelli e Bernardo Vittone che vedevano invece un movimento più vivace e ricco sul frontale. Fu Francesco Croce a innalzare la grande guglia centrale e la Madonnina in cima, nel XVIII secolo, e altri architetti lavorarono alla decorazione con guglie, statue e “ricami di pietra” fino al 1892.

La facciata si innalza per cinque piani, totalmente rivestita in marmo bianco e con decorazioni in stile neogotico, in quanto fu completata nel XIX secolo durante la riscoperta di questo tipo di architettura medievale. Le finestre e buona parte dei rilievi scolpiti ricordano una nota barocca seicentesca mentre le statue sono tutte di fine Ottocento. La facciata è alta 108 metri per 93 metri di larghezza. Conta 5 porte, 135 guglie, oltre 2.000 statue, 200 bassorilievi e 55 vetrate.

Cosa vedere al suo interno

interno della cattedrale a Milano
L’interno del Duomo di Milano

L’elenco di opere d’arte e monumenti da ammirare dentro il Duomo di Milano sarebbe lunghissimo e richiederebbe una intera pubblicazione dedicata. Per chi ha poco tempo, o per chi intende vedere oltre al Duomo tante altre località milanesi, è sempre bene seguire un piccolo itinerario alla ricerca dei simboli più importanti della chiesa.

L’interno del Duomo, dall’architettura leggera e luminosa tipica del neogotico, si apre su cinque navate che convergono nelle tre centrali dell’abside. Tra i tanti altari che decorano le navate, meritano sicuramente l’Altare del Crocifisso di San Carlo Borromeo (1576), l’Altare di Sant’Ambrogio – così chiamato per la pala d’altare di Federico Barocci, ma che in realtà custodisce il corpo dell’arcivescovo San Dionigi, l’Altare della Presentazione della Vergine in stile neoclassico.

San Bartolomeo al duomo di Milano
San Bartolomeo all’interno della cattedrale

Il presbiterio è sicuramente la parte più spettacolare della chiesa. La grande vetrata policroma impreziosisce le architetture di cattedra e ambone, il coro ligneo cinquecentesco e il ciborio. Sopra l’altare maggiore si conserva la reliquia del Sacro Chiodo della croce di Cristo mentre il sepolcro di San Carlo Borromeo si trova nella cripta sotto l’altare maggiore del Duomo. Sono assenti le spoglie di Sant’Ambrogio, situate invece nella omonima basilica.

Il Duomo custodisce, nel sottosuolo, anche i resti dell’antico battistero della chiesa originaria di Santa Maria Maggiore e le fondamenta della chiesa di Santa Tecla. Oltre al sepolcro di San Carlo Borromeo, è da ammirare anche l’architettura puramente gotica della cripta che lo custodisce insieme alla sala “del Tesoro”.

Informazioni utili

La Madonnina: costruita su una struttura di acciaio, che ha sostituito quella originaria di ferro, la Madonnina è una statua di rame alta 4,16 metri creata dallo scultore Giuseppe Perego e dall’orefice Giuseppe Bini. Si trova sulla cima della guglia più alta del Duomo.

Il Grande Museo del Duomo: accanto al Duomo, in un’ala del Palazzo Reale, si trova il Grande Museo del Duomo che raccoglie testimonianze artistiche di 1500 anni di storia della basilica. Qui è custodita buona parte del Tesoro del Duomo oltre a statue, vetrate, pitture e preziosissimi arazzi. L’ingresso è consentito tutti i giorni dalle 10 alle 18, con ultimo biglietto utile alle 17:10.

Per accedere alle terrazze: per ammirare da vicino le guglie e la stessa Madunina, si sale con ascensori o scale dal contrafforte di nord del Duomo. Gli orari per salire in terrazza sono: tutti i giorni dalle 9 alle 18, salvo variazioni.

Orari di apertura del Duomo: per le visite turistiche il Duomo è aperto sempre, dalle 8 del mattino alle 19, con ultimo ingresso utile alle 18:10. Di solito il biglietto per la chiesa, per il museo e per le terrazze coincide, ovvero si usufruisce di specifiche card turistiche che comprendono tutto il percorso museale e i cui prezzi variano da 3 Euro (ridotto 2) fino a 25 Euro (ridotto 13) a seconda del percorso e del tempo scelti. Per ulteriori informazioni consultare il sito: https://www.duomomilano.it

Come arrivare al Duomo di Milano

Metro: Duomo, linee 1 (rossa) e 3 (gialla).
Tram: fermata di Via Torino, linee 2, 3 e 14; fermata de La Dogana (Duomo), linea 24.

Topics #featured
Booking.com

Post Comment